Legge privacy 675 analisi dei rischi               Privacy e tutela dei dati personali

 

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

:. CHI SIAMO - CONTATTI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. RISPOSTE PARERI SULLA PRIVACY

:. CONSULENZA PRIVACY

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARTICOLI PRIVACY

dal 1997

 

NEWS ARTICOLI  

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

:. Tribunali italiani

 

Policy privacy

 

 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COSA E', COSA FA IL COMITATO TECNICO NAZIONALE SULLA SICUREZZA INFORMATICA

--- Decreto interministeriale istitutivo del Comitato Tecnico Nazionale sulla sicurezza ICT

 

Il 16 ottobre 2002 e’ stato presentato il Comitato Tecnico Nazionale sulla Sicurezza Informatica nella Pubblica Amministrazione. 

Il comitato nasce in attuazione della Raccomandazione dell'UE (16 gennaio 2002) rivolta a tutti gli Enti Pubblici con l'obiettivo di tracciare un quadro generale sul problema sicurezza informatica e delle telecomunicazioni e di suggerire gli interventi necessari per ottenere una base minima di sicurezza, nell'attesa della predisposizione di un vero e proprio programma di azione governativo per la sicurezza.

 

Il problema della sicurezza dei sistemi interconnessi e’ un problema avvertito sin dai primordi della RUPA e la stessa AIPA si era trovata di fronte all’esigenza di dettare delle linee guida a cui ogni amministrazione doveva adeguarsi,  allo scopo di garantire la piena interoperabilita’ e cooperazione applicativa.


In altri termini secondo la Direttiva ed i relativi allegati:  e’ necessario tener conto prioritariamente:


- dell’organizzazione della sicurezza con la creazione di un Comitato per la sicurezza ICT e di un Consigliere Tecnico che deve affiancare il Ministro; ogni Ente poi dovra’ avere il proprio responsabile della sicurezza ICT;

- della gestione della sicurezza e quindi la c.d. Carta della sicurezza che definisce gli obiettivi e le finalita’ delle politiche di sicurezza;

- dell’analisi del rischio, fondamentale ai fini di una corretta pianificazione, realizzazione e gestione di qualsiasi sistema di sicurezza ICT;

- del controllo fisico e logico degli accessi;

- della protezione antivirus;

- delle misure di prevenzione;

- della gestione dei supporti;

- della gestione degli incidenti e delle emergenze.

Come detto in precedenza questi rappresentano solo i passi iniziali di un cammino che dovra’ condurre alla definizione di uno schema nazionale di riferimento della sicurezza, sviluppando linee guida, direttive, standard,  processi di accreditamento e di certificazione ed alla formulazione di un Piano nazionale della sicurezza ICT della pubblica amministrazione.

 

  I  nostri servizi per le PA