Legge privacy 675 analisi dei rischi

Legge privacy: chi è tenuto ad adeguarsi?

  ©CONSULENTIPRIVACY.IT

 

   

 

Home - Consulenti Privacy

:. CHI SIAMO - CONTATTI

:. SCRIVICI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

:. SEMPLIFICAZIONI PRIVACY

 

  ARTICOLI PRIVACY

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

 

FAQ - SITI UTILI - ARCHIVIO

:. Tribunali italiani

:. Policy privacy

 

Legge privacy: chi è tenuto ad adeguarsi?

 

La Legge  recita:  "chiunque tratti dati di terzi... per motivi non personali". L'applicazione della normativa sulla privacy è una cosa complessa che richiede una attenta analisi della struttura. Un approccio superficiale a tale applicazione è non soltanto una perdita di tempo  e denaro ma è anche completamente inutile e a volte rischioso per i responsabili. Si pensa di essere in regola ma non lo si è, poiché si crede erroneamente che tutto si riduca a pochi fogli da compilare.

Sono interessati dunque:

  • le aziende, indipendentemente dalla loro dimensione

  • i liberi professionisti

  • le pubbliche amministrazioni (comuni, ospedali, scuole, enti...)

  • le associazioni 

  • le cooperative

... ovvero chiunque tratti dati personali di clienti, cittadini, dipendenti, fornitori, utenti, pazienti, colleghi, soci, associati ecc. Ovviamente gli adempimenti sono diversi a seconda delle dimensioni della struttura e della tipologia di trattamento dei dati.

  1. Quali dati sono da considerarsi personali?

  2. Ci sono adempimenti diversi a seconda del soggetto che tratta i dati? 

  3. Di quali adempimenti si tratta?         

Clicca qui per leggere le risposte