Legge privacy 675 analisi dei rischi Testo unico sulla privacy 

 

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

:. CHI SIAMO - CONTATTI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. RISPOSTE PARERI SULLA PRIVACY

:. CONSULENZA PRIVACY

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARTICOLI PRIVACY

dal 1997

 

NEWS ARTICOLI  

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

:. Tribunali italiani

 

Policy privacy

 

Testo unico sulla privacy 

Il Consiglio dei Ministri del 9 maggio 2003, ha approvato uno schema di decreto legislativo che dovrebbe costituire il Testo Unico in materia di protezione dei dati personali. 

Il Testo Unico, più volte annunciato, contiene le disposizioni in materia di protezione dei dati personali a livello generale e specifico (trattamenti in ambito giudiziario, sanitario, da parte delle forze di polizia, del datore di lavoro, del sistema bancario, trattamento in ambito assicurativo, giornalistico, marketing diretto ecc.) e prevede in allegato i codici  deontologici già emanati.  

Conferita anche al Governo la delega per attuare la direttiva europea n. 58/2002 sulla tutela della privacy in Internet e relativamente all'impiego delle nuove tecnologie di comunicazione. 

Approvato il testo unico  Consiglio dei ministri n. 113 del 27/06/03

Consulta l'indice del testo unico

Codice Deontologico

Codice composto da regole elaborate direttamente dai soggetti interessati nell’ambito di determinati settori. In pratica una autoregolamentazione che deve essere approvata dal Garante.

 

Codici esistenti

Codice deontologico dei giornalisti e codici deontologici e di buona condotta sui trattamenti per finalità storiche, statistiche, di ricerca scientifica.

 

Altri codici, perche?

I nuovi codici dovranno disciplinare:

-          Internet (fornitori di servizi);

-          trattamenti per finalità previdenziali o per gestione del rapporto di lavoro;

-          direct marketing;

-          trattamenti di dati  personali svolti a fini di informazione commerciale;

-          centrali rischi private;

-          trattamento dati in archivi, registri, elenchi, atti o documenti 

           tenuti da soggetti pubblici;

-          videosorveglianza.

articolo di M. Serra - consulente di www.consulentiprivacy.it