Legge privacy 675 analisi dei rischi             Legge privacy

 

Home - Consulenti Privacy

 

CHI SIAMO - CONTATTI

Mappa del sito

 

SERVIZI DI CONSULENZA

 

:. QUESITI E PARERI SULLA PRIVACY

:. PARERI LEGALI

:. CONSULENZA LEGALE

:. ADEGUAMENTO-CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE

:. FORMAZIONE 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICA AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARCHIVIO E NEWS dal 1997

 

NORMATIVE ATTINENTI

TESTO UNICO BANCARIO

LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

Policy privacy

 

 

"Confindustria elabora le linee guida per regolamentare l'utilizzo dei sistemi informatici aziendali"

"Il vademecum per i datori di lavoro"

"Niente e-mail personali dall'ufficio"

"L'uso dei sistemi solo per l'attivitÓ lavorativa"

Potete trovare gli articoli sopradetti su "Italia Oggi" di Giovedý 12 Luglio a pag. 41.

In presenza di un vuoto legislativo, Confindustria prova a dettare delle regole in materia di utilizzo dei sistemi informatici. Per leggere la proposta presentata da Confindustria nel luglio del 2001 clicca qui

Il nostro parere:

La tecnologia puˇ rappresentare ovviamente, anche un potente strumento di controllo a disposizione del datore di lavoro ed il lavoratore deve esserne informato.

Punto 1 dunque: rendere consapevoli i lavoratori

Gli interessi contrapposti in gioco sono, da un lato, la tutela del patrimonio aziendale e, dall'altro la tutela della riservatezza del lavoratore.

Punto 2 dunque: il patrimonio aziendale Ú sottoposto a notevoli rischi di danneggiamento a seguito di uso improprio o disinformato, i danni potenziali sono di ingente ammontare

E' necessario bilanciare tali interessi, tutelando i lavoratori da abusi ed i datori di lavoro da danneggiamenti al patrimonio, prevedendo un piano aziendale che garantisca entrambi i "contraenti".

Sarebbe opportuno che le procedure interne, che devono essere illustrate nel documento programmatico aziendale, venissero concordate, anche con le rappresentanze sindacali.

Punto 3 dunque: non si puˇ prescindere dal dialogo neppure in materia di privacy

Ovviamente il tutto deve essere elaborato in osservanza dei principi fissati dai Garanti Europei nel settembre 2001, relativamente al monitoraggio delle e-mail, alla navigazione in Internet, alla videosorveglianza e alla localizzazione sul posto di lavoro. 

Punto 4 dunque: il fatto che si attenda una vera e propria risoluzione europea in materia implica che comunque ci si debba riferire ai principi affermati dai Garanti Europei, e alle decisioni, ai comunicati ed all'informazione del nostro Garante Italiano.