ęCONSULENTIPRIVACY.IT

Legge privacy 675 analisi dei rischi      CONFINDUSTRIA PRIVACY

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

CHI SIAMO - CONTATTI

Mappa del sito

 

SERVIZI DI CONSULENZA

 

:. QUESITI E PARERI SULLA PRIVACY

:. PARERI LEGALI

:. ADEGUAMENTO-CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE

:. FORMAZIONE 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICA AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARCHIVIO E NEWS dal 1997

 

NORMATIVE ATTINENTI

TESTO UNICO BANCARIO

LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

Policy privacy

 

 

Confindustria: circolare con chiarimenti sulla proroga privacy

La Confindustria, con circolare n. 18310 del 24 marzo 2005, interviene a fornire chiarimenti sulla disciplina transitoria relativa all'applicazione delle misure di sicurezza privacy.


Il nuovo Codice ha ridefinito la normativa sulla sicurezza privacy e prevede, all'allegato b), un elenco di misure minime di sicurezza, alcune riprese dal D.P.R. n. 318 del 1999, altre di nuova istituzione.


Il problema riguarda la possibilitÓ di sanzionare penalmente la mancata adozione delle "vecchie" misure di sicurezza, non valendo per queste la disposizione transitoria prevista dall'art. 180 del Codice che dispone l'adeguamento alle nuove misure entro il 31 dicembre 2005.


Anche secondo la Confindustria, le vecchie misure, essendo comunque ricomprese nell'elenco delle misure di sicurezza dell'allegato b) del Codice devono essere adottate subito, non valendo per queste il differimento previsto dall'art. 180.


La mancata adozione comporta responsabilitÓ civile per danni e, secondo la Confindustria, anche responsabilitÓ penale, sanzionata dalle disposizioni della vecchia legge (vedi in tal senso anche in ns articolo "
Quando la proroga della proroga della proroga mette a rischio le aziende").