Legge privacy 675 analisi dei rischi PRIVACY: PERCHE' LA PROFILAZIONE ON LINE NON HA FUNZIONATO

 

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

:. CHI SIAMO - CONTATTI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. RISPOSTE PARERI SULLA PRIVACY

:. CONSULENZA PRIVACY

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARTICOLI PRIVACY

dal 1997

 

NEWS ARTICOLI  

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

:. Tribunali italiani

 

Policy privacy

 

 

  PRIVACY: PERCHE' LA PROFILAZIONE ON LINE NON HA FUNZIONATO

Quando, dove

La notizia

Il commento

GENNAIO 2002

USA

Double-click cessa il servizio di profilazione on line perché non piú redditizio

Non è risultato proficuo come promesso il servizio di profilazione intelligente. Pochi introiti. Utenti profilati stufi? E le imprese come potrebbero rendere la pubblicità desiderabile? Coinvolgendo il consumatore, la nostra idea è che...

 

Seguire l’utente che naviga su internet nei suoi click, in modo da arrivare a conoscere i suoi gusti e le sue preferenze e soddisfare le sue esigenze, inviandogli pubblicità fatta su misura, non sembra essere un idea proficua. 

DoubleClick, la società che ci aveva deliziati col suo software spione (il software raccoglieva informazioni sui consumatori dai siti web in modo da permettere alle imprese di inviare pubblicità personalizzata, soprattutto  banners) ha deciso di cessare il servizio di profilazione on line che gestiva.  

Troppo costoso rispetto agli introiti, il servizio non ha retto allo stato di crisi in cui versano molte società che operano su internet. 

La domanda è perchè la profilazione intelligente ha fallito? E le aziende che puntano sulla pubblicità per farsi conoscere, come potrebbero agire?

Scorrendo mailing list varie mi sono trovato d'accordo con l'opinione di un navigatore che sosteneva che la poca efficacia della pubblicità mirata derivi dal fatto che il cliente non viene coinvolto, non interagisce nel processo.

Non si fa altro che dedurre i suoi gusti raccogliendo dati sul suo percorso di navigazione o dai form d'iscrizione. 

Eppure quando ci si accinge a comprare qualcosa, informandoci su internet, molte volte si pensa, magari ci fosse qualcuno che m'informa... e allora?

Personalmente sto ristrutturando una casa in campagna, non vi dico i salti di gioia che farei, se qualcuno m'informasse su costi, prodotti e fornitori, di mattonelle, lavabi, vernici...

La comparazione delle varie offerte e la ricerca richiede tempo ed energia. Ben vengano, in questa fase, le informazioni promozionali sui prodotti che sto cercando.

Un sistema che chieda i messaggi pubblicitari che si vogliono ricevere fino al dettaglio del prodotto e aggiornabile sulle esigenze del momento non sarebbe male!

 RITORNA ALLA SEZIONE ATTUALITA' AZIENDE E PUBBLICHE AMMINISTRAZ