Legge privacy 675 analisi dei rischi             Log di navigazione e legge privacy

 

Home - Consulenti Privacy

:. CHI SIAMO - CONTATTI

:. Mappa del sito

 

SERVIZI DI CONSULENZA

:. QUESITI E PARERI SULLA PRIVACY

:. PARERI LEGALI

:. CONSULENZA LEGALE

:. ADEGUAMENTO-CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE

:. FORMAZIONE 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICA AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARCHIVIO E NEWS dal 1997

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

:. SITI UTILI

 

:. Policy privacy

 

 

LOG DI NAVIGAZIONE E PRIVACY

 

La questione

Ogni datore di lavoro può attraverso un software controllare i log di navigazione dei propri dipendenti. E' possibile conoscere i siti e addirittura le pagine visitate da ogni postazione di lavoro.

 

Il punto di vista del datore di lavoro

Il datore può utilizzare il controllo dei log come strumento per verificare che il dipendente non navighi in internet a scopi personali e che non scarichi materiale illecito (controllo delle risorse aziendali).

 

Il punto di vista del dipendente

Il controllo sull'uso delle dotazioni aziendali del dipendente può finire per essere anche un controllo più invasivo e per di più occulto. Diritto alla riservatezza dunque.

 

L'approccio corretto

Lo Statuto dei lavoratori prevede il divieto di  controllo a distanza dell'attività del lavoratori e i log possono rappresentare anche questo.
E' dunque corretto che il datore di lavoro non ecceda nei controlli, finalizzandoli a obiettivi condivisi, e informi i dipendenti prima di installare strumenti di controllo (fini del controllo, modi e tempi di conservazione dati, soggetti incaricati di trattarli ecc.).

Il lavoratore saprà di essere monitorato e rimanderà le navigazioni fuori dall'ambiente lavorativo e lo farà con cognizione.