Legge privacy 675 analisi dei rischi          Pubbliche Amministrazioni e ottenimento del consenso

 

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

:. CHI SIAMO - CONTATTI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. RISPOSTE PARERI SULLA PRIVACY

:. CONSULENZA PRIVACY

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARTICOLI PRIVACY

dal 1997

 

NEWS ARTICOLI  

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

:. Tribunali italiani

 

Policy privacy

 

 

 

 

Pubbliche Amministrazioni e ottenimento del consenso

 

 

Il Garante ha chiarito che gli enti pubblici non debbono necessariamente richiedere il consenso per trattare i dati personali sensibili, a condizione che gli obblighi di legge siano sufficientemente precisi o che la P.A. abbia adottato un regolamento apposito.

In questo senso Ú stato interpretato l'art. 22 della L. 675/1996, come integrato dal Dlgs 135/1999, il quale non lasciava capire se l'adozione del regolamento interno fosse una condizione aggiuntiva o alternativa all'ottenimento del consenso da parte della P.A.

L'interpretazione maggioritaria sosteneva che l'adozione del regolamento fosse condizione aggiuntiva, ma il Garante si Ú, ragionevolmente, pronunciato in senso contrario: sussistendo obblighi di legge e impossibilitÓ di assolvere tali obblighi in difetto di consenso "obbligatorio", il consenso puˇ non essere richiesto dalla P.A.