Legge privacy 675 analisi dei rischi             Legge privacy Amazon

ęCONSULENTIPRIVACY.IT

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

CHI SIAMO - CONTATTI

Mappa del sito

 

SERVIZI DI CONSULENZA

 

:. QUESITI E PARERI SULLA PRIVACY

:. PARERI LEGALI

:. CONSULENZA LEGALE

:. ADEGUAMENTO-CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE

:. FORMAZIONE 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICA AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARCHIVIO E NEWS dal 1997

 

NORMATIVE ATTINENTI

TESTO UNICO BANCARIO

LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

Policy privacy

 

 

Amazon, il crollo di un mito:  

dal miglior customer care alla vendita dei dati dei clienti

Con una e-mail, Amazon, la ex stupefacente societÓ messa su da Bezos, ha comunicato, lo scorso autunno, ai suoi 23 milioni di clienti, che nello svolgimento della sua attivitÓ poteva acquistare o vendere parti del patrimonio aziendale, di cui fanno parte anche i dati della clientela. 

Nel caso di Amazon la normativa statale si Ŕ dimostrata ancora una volta debole: la FTC ha rinunciato ad applicare una sanzione e non ha ritenuto di dover investigare pi¨ a fondo. 

Alcuni utenti inoltre avevano espresso il sospetto che Alexa (un software di espansione del browser, utilizzato da Amazon fin dal 1999) comunicasse in modo occulto alla banca dati centrale di Amazon tutti i dati inseriti dai clienti, all'insaputa di questi ultimi.

Alexa e Amazon hanno respinto le accuse affermando invece che alcuni dati erano stati memorizzati per errore. Hanno comunque pagato 2 milioni di dollari a titolo preventivo per evitare una causa civile di gruppo (Class Action). 

In tal modo ciascun attore ha ottenuto un risarcimento pari a 40 dollari - per la perdita della propria privacy.

(Tratto da un articolo di Christiane Schulzki - Haddouti pubblicato su Handelsblati)