Legge privacy 675 analisi dei rischi             Legge privacy Inghilterra

©CONSULENTIPRIVACY.IT

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

CHI SIAMO - CONTATTI

Mappa del sito

 

SERVIZI DI CONSULENZA

 

:. QUESITI E PARERI SULLA PRIVACY

:. PARERI LEGALI

:. CONSULENZA LEGALE

:. ADEGUAMENTO-CONSULENZA

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE

:. FORMAZIONE 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICA AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARCHIVIO E NEWS dal 1997

 

NORMATIVE ATTINENTI

TESTO UNICO BANCARIO

LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

Policy privacy

 

 

PRIVACY IN GRAN BRETAGNA: IN INCOGNITO PER VERIFICARE L'OSSERVANZA DELLA LEGGE

L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali del Regno Unito (Information Commissioner), ha avviato una ricerca per verificare il grado di rispetto della normativa in materia di privacy da parte dei siti web inglesi.

La ricerca si propone di non essere una semplice verifica formale ma di fornire un quadro reale della situazione, impiegando strumenti particolari come le interviste ai responsabili e la navigazione e utilizzazione dei servizi offerti "in incognito".

 Per favorire la collaborazione dei soggetti interessati, l’autorità inglese ha chiarito che in nessun caso il fatto di essere stati inseriti nello studio comporterà sanzioni o accertamenti.  

L’obiettivo difatti non è sanzionare quanto piuttosto fare il punto sulla situazione al fine di incrementare l’efficacia degli interventi futuri volti a promuovere il rispetto delle norme sulla protezione dei dati. 

I siti web inglesi sotto studio sono circa 130. Si tratta di siti web eterogenei (pubblici, privati, commerciali, no-profit ecc.). La data limite per mettersi in regola con la normativa era per i siti web inglesi il 24 ottobre 2001, come se la saranno cavata?

I risultati dello studio sono attesi per il mese di maggio 2002.

 (da un articolo di Steve Gold su Newsbytes.com e dal comunicato stampa sul sito Internet dell’UK Information Commissioner)

 RITORNA ALLA SEZIONE CURIOSITA'